Fotovoltaico industriale: super ammortamento se l’impianto è un bene strumentale

Fotovoltaico industriale: super ammortamento se l’impianto è un bene strumentale

Prorogato per il 2017 il super ammortamento al 140%, un bonus fiscale applicabile agli investimenti in beni strumentali correlati all'attività d'impresa, tra cui rientra l’impianto fotovoltaico. Principale novità: l'introduzione dell'iper ammortamento al 250% riconosciuto solo a particolari categorie di beni altamente tecnologici per incentivare gli investimenti in prodotti high tech, nello sviluppo e nella ricerca.

Super ammortamento al 140% per il fotovoltaico industriale

Il 7 dicembre scorso la legge di Bilancio ha confermato per il 2017 il super ammortamento al 140%, un provvedimento rivolto ai titolari di reddito d'impresa e di lavoro autonomo. L’obiettivo è di rilanciare le imprese sostenendo gli investimenti in beni strumentali nuovi attraverso la deducibilità di quote di ammortamento maggiorate del 40%.

L'agevolazione, applicabile in forma retroattiva, è stata estesa anche agli impianti fotovoltaici per permettere alle aziende che vogliono investire nell'autoproduzione energetica di conseguire, oltre ad obiettivi di sostenibilità ambientale, un risparmio economico.

Il super ammortamento si applica agli impianti fotovoltaici funzionali alla produzione qualificabili come beni mobili, la cui quota di ammortamento è pari al 9%. Non ne usufruiscono invece quelli assimilabili a beni immobili, il cui coefficiente di ammortamento è al di sotto del 6,5%.

Super ammortamento per il fotovoltaico commerciale: come funziona?

Lo schema operativo per il calcolo del super ammortamento 2017 non presenta variazioni. Come l'anno precedente, infatti, consiste nell'aumentare del 40% il costo del bene deducibile dalle tasse. Di seguito proponiamo un esempio pratico.

Prendiamo in considerazione un impianto fotovoltaico del valore di 10 mila euro da ammortizzare al 9%. La quota relativa all'ammortamento civilistico sarà di 900 euro (10.000 x 9%) da ripartire in un periodo di 11 anni (10.000 / 900).

Con il super ammortamento, il coefficiente di ammortamento passerà dal 9% al 12,6%. Ne consegue che la quota di ammortamento sarà pari a 1.260 euro (10.000 x 12,6%), con una deduzione totale che diventa così di 13.860 euro (1.260 x 11). La differenza costituisce una variazione in diminuzione del reddito fiscale.

Iper ammortamento al 250%

La legge di stabilità ha inoltre introdotto per il periodo 2017/2019 l'iper ammortamento al 250%, un'implementazione dell'agevolazione fiscale destinata unicamente agli investimenti in ricerca, sviluppo e innovazione.

Il nuovo e più corposo bonus fa parte del progetto "Industria 4.0" che si propone di dare un impulso alla competitività e alla digitalizzazione delle imprese italiane. Tra i beni ammissibili vi sono gli investimenti in prodotti digitali, tecnologie per l'agricoltura di precisione e ottimizzazione dei consumi energetici.

La nuova misura, entrata in vigore il 1° gennaio 2017, prevede inoltre tempi di consegna più ampi, che vanno a vantaggio degli investimenti più sostanziosi.

Vuoi sapere di più sul fotovoltaico per aziende?

Vai all'articolo precedente:Fotovoltaico in condominio? Ecco come fare!
Vai all'articolo successivo:Installare i pannelli fotovoltaici: meglio sul tetto o a terra?
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image