Detrazioni fiscali per fonti rinnovabili: quali opportunità per il 2017?

Detrazioni fiscali per fonti rinnovabili: quali opportunità per il 2017?

Con la Legge di Stabilità 2017 il Parlamento ha rinnovato una serie di agevolazioni fiscali in materia di ristrutturazioni edilizie. In particolare ha voluto incentivare le opere di ristrutturazione degli immobili (con detrazioni pari al 50% sulle spese effettuate). Ma soprattutto ha posto l'accento su tutte quelle opere di riqualificazione energetica in grado di far abbassare il livello del consumo energetico, garantendo al contempo un sempre minore impatto sull'ambiente. Vediamo quindi nel dettaglio che cosa prevede la Legge di Stabilità 2017 a proposito di detrazioni fiscali per fonti rinnovabili.

Detrazioni IRPEF del 50% sulle spese sostenute per ristrutturazioni edilizie

Per una casa più efficiente dal punto di vista energetico e per avere un grande risparmio in bolletta, le opportunità che ti offre la Legge di Stabilità 2017 sono veramente tante. Innanzitutto puoi ottenere una riduzione IRPEF del 50% sulla spesa sostenuta nel campo delle ristrutturazioni edilizie. A questo tipo di spese sono equiparate quelle per l’installazione di un impianto fotovoltaico o di batterie d'accumulo (i cosiddetti sistemi di storage).

Puoi applicare la detrazione su una spesa massima di 96.000 euro, che però dovrai ripartire in 10 anni, attraverso 10 quote annuali. Nel frattempo però ricorda che inizierai a risparmiare da subito sulla bolletta della luce, grazie proprio all'energia prodotta dai pannelli fotovoltaici.

Detrazioni al 65% per le opere di riqualificazione energetica

Se hai intenzione di effettuare lavori per la riqualificazione energetica della tua casa, sappi che la Legge di Stabilità prevede una detrazione IRPEF del 65% anche per questo tipo di spese. Anche queste, al pari delle precedenti, dovranno essere ripartite in 10 quote annuali. I lavori di riqualificazione energetica attengono alla sostituzione di vecchie caldaie (per riscaldamento o acqua calda sanitaria) con caldaie a condensazione, con pompe di calore o con sistemi ibridi (basati sul funzionamento combinato di una pompa di calore e di una caldaia a condensazione).

Detrazioni fino al 75% se le spese riguardano le parti in comune di un condominio

Infine, puoi usufruire di una detrazione pari al 75% delle spese sostenute per i lavori di efficienza energetica, In questo caso però, il tuo appartamento deve far parte di un condominio, in quanto i lavori dovranno riguardare le parti comuni dell'immobile. Per quanto riguarda questo ultimo tipo di intervento, ti ricordiamo che Legge di Stabilità 2017 prevede una detrazione pari al 75% della spesa per un massimo di 40.000 euro per unità immobiliare, inoltre è possibile usufruire di quest'incentivo fino al 31 dicembre del 2021.

Come puoi vedere, le opportunità per rendere la tua casa più efficiente da un punto di vista energetico non mancano e questo è il momento per approfittarne! Se vuoi saperne di più su impianti fotovoltaici, batterie d'accumulo, o se semplicemente vuoi altre informazioni sui benefici fiscali connessi alle fonti rinnovabili rivolgiti a Soladria!

Vai all'articolo precedente:Da Google ai colossi del petrolio: l'impegno delle grandi aziende verso le fonti rinnovabili
Vai all'articolo successivo:Da luglio la bolletta elettrica in aumento del 2,8%, installa un impianto fotovoltaico!
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image